Microbiota: l’universo di microbi che vive nel nostro intestino e influenza la nostra salute

Parte Prima

Oggi, in questa rubrica del Nutrizionista parleremo dell’intestino e della relazione stretta tra l’equilibrio della flora intestinale, il microbiota, e la nostra salute.

Per microbiota intestinale si intende indicare l’insieme della popolazione microbica che risiede e vive in simbiosi nel nostro intestino e può venire considerato il più complesso ecosistema presente in natura.

Il termine microbiota ha sostituto quello di microflora intestinale, terminologia che veniva utilizzata in passato in quanto anni fa si pensava che le forme di vita presenti a livello intestinale appartenessero al modo dei vegetali, da qui l’appellativo di flora.

L’insieme di tutti i microrganismi presenti nel nostro intestino (batteri e lieviti) è quantificabile in circa circa 1,5 Kg del nostro peso!

Questo complesso ecosistema contribuisce in modo sostanziale al nostro stato di salute attraverso numerose relazioni che non vanno interpretate esclusivamente da un punto di vista nutrizionale.

Numerosi studi hanno dimostrato come l’ecosistema microbico intestinale contribuisce alla modulazione di diverse funzioni gastrointestinali direttamente legate al sistema immunitario, quali motilità, secrezione esocrina e neuroendocrina, permeabilità della barriera mucosa, sensibilità viscerale e funzioni immunitarie mediate dal tessuto linfoide associato all’intestino il GALT (Gut associated Lymphoid Tissue).

I Lactobacilli, in particolare, sono in grado di produrre sostanze dall’azione antimicrobica conosciute come batteriocine che rendono l’ambiente intestinale non idoneo alla crescita dei microrganismi patogeni.

Per quanto concerne il bilancio energetico e nutrizionale dell’ospite (l’essere umano), grazie alla fermentazione di polisaccaridi indigeribili che possiamo ritrovare ad esempio nelle verdure, i microrganismi producono acidi grassi a corta catena (SCFAs), che rappresentano la sorgente fondamentale di energia per le cellule dell’epitelio intestinale e favoriscono la salute e la funzionalità del nostro intestino.

Un intestino sano è una condizione imprescindibile per avere anche una corretta assimilazione dei nutrienti.

Nella mia attività di Nutrizionista mi capita molto frequentemente di incontrare persone che accusano problemi di varia natura legati all’intestino come una persistente irregolarità intestinale che si può manifestare sotto forma di stipsi alternata a diarrea, coliti sempre più spesso di natura nervosa e fastidiosi gonfiori e dolori addominali.

Sicuramente, una delle cause più importanti di questi malesseri intestinali è da ricercare nelle scorrette abitudini alimentari, in termini sia di qualità che di quantità di cibo che quotidianamente viene proposto in tavola.

Dr.ssa Monia Senni, Biologa Nutrizionista