Sindrome dell’Intestino Irritabile: diagnosi differenziale

Dal momento che la Sindrome dell’Intestino Irritabile IBS non comporta alterazioni strutturali del tratto gastroenterico e non vi sono markers chimici, ad oggi non esiste una specifica diagnostica per l’individuazione della IBS.

Si auspica per tanto l’impiego di pochi esami che consentano per esclusione di riconoscere la malattia e di escludere altre gravi e mortali patologie.

Finora la diagnosi di IBS è a tutti gli effetti una diagnosi di esclusione, basata sull’anamnesi (ansietà, depressione maggiore, disordini da panico, malattie psico-somatiche, distimia, presenti nel 50% dei casi), l’esame obiettivo e numerosi esami negativi. Ovviamente, in presenza di sintomi d’allarme (calo ponderale importante e ingiustificato, emorragia intestinale, anemia, febbre), si rende indispensabile una valutazione completa, indipendentemente dall’età del paziente.

ESAMI DI ESCLUSIONE PER LA DIAGNOSI DI IBS


  • Breath Test (test per intolleranza al lattosio)
  • Markers ematici per la celiachia (IGA Anti transglutaminasi; Anticorpi anti-endomisio)
  • Colonscopia
  • Tomografia computerizzata

Dr.ssa Monia Senni Biologa Nutrizionista