Alimenti fermentati: i benefici effetti per la nostra salute

Gli alimenti fermentati, oggi sconosciuti ai più e quasi totalmente spariti dalle nostre tavole, sono molto nutrienti, più digeribili rispetto agli stessi cibi ingeriti crudi e così benefici quasi da venire considerati alla stregua di veri e propri integratori naturali a basso costo!

Grazie infatti al processo di fermentazione microbica questi alimenti vengono arricchiti di vitamine del gruppo B, proteine ed enzimi dalla spiccata azione digestiva.

Attraverso la fermentazione vengono inoltre prodotti anche acidi grassi Omega 3 indispensabili per la funzione cognitiva e immunitaria. In questo particolare contesto storico in cui l’abuso di antibiotici ha portato ad una condizione molto pericolosa di antibiotico-resistenza, può essere molto salutare rafforzare il nostro sistema immunitario intestinale attraverso il consumo regolare di cibi fermentati di varia natura.

La fermentazione di alcuni tipi di cibi come cereali, legumi, semi e frutta secca oleosa, favorisce la neutralizzazione di composti anti-nutrizionale come l’acido fitico, che potrebbe ostacolare l’assorbimento di importati Sali minerali come il ferro e il calcio.

Un ulteriore vantaggio apportato dal consumo di prodotti fermentati è quello di fortificare la risposta microbica difensiva del nostro intestino, in particolare della componente bifida e lactobacillare, nei confronti dell’azione patogena di alcuni microrganismi e dall’azione tossica delle scorie da essi prodotte.

L’Asia, in particolare il Giappone è uno dei paesi in cui ritroviamo nella tradizione culinaria una abbondante varietà di alimenti fermentati, tra questi:

  • Miso preparato a base di soia e cereali
  • Prugne Umeboshi

In realtà, tutti i cibi, specie i vegetali possono subire un processo di fermentazione, processo che attraverso poche e semplici procedure possiamo anche ricreare comodamente a casa nostra.

Come Nutrizionista spesso suggerisco in caso di malattie infiammatorie intestinali come il Morbo di Chron, la sindrome del colon irritabile, le coliti, ma anche nei casi di affezioni dell’apparato genito-urinario quali cistiti o candidosi ricorrenti, il consumo di cibi fermentati con ottimi risultati.

Dr.ssa Monia Senni Biologa Nutrizionista